Comabbio, 22 dicembre 2020.

A tutti i Comabbiesi,

l’aggiornamento odierno da parte di ATS Insubria, comunica alcune variazioni, ecco i dati:

i casi totali di positività sono 4

le persone in osservazione sono 1

i guariti di questa seconda ondata sono saliti a 69

e per tutte le situazioni sono stati attivati i protocolli previsti a cura di Ats, del pediatra e del medico curante.

Pur rimanendo in vigore le disposizioni già introdotte dal DPCM del 3 dicembre in materia di spostamenti all’interno o per il territorio nazionale nel periodo per il periodo compreso tra il 21 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, il nuovo decreto Natale prevede un’Italia rossa e arancione, a seconda dei giorni, con un lockdown “duro”. 

SPOSTAMENTI.

Dal 21 dicembre al 6 gennaio è vietato ogni spostamento tra Regioni e da/per le Province autonome di Bolzano e Trento, sono vietati anche gli spostamenti per raggiungere le seconde case fuori Regione.

Inoltre, tra il 24 dicembre e il 6 gennaio, le nuove regole prevedono che:

NEI GIORNI ROSSI cioè festivi e prefestivi (24, 25, 26, 27 e 31 dicembre e 1°, 2, 3, 5 e 6 gennaio), sarà possibile, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici, anche verso altri Comuni, ma sempre e solo all’interno della stessa Regione, tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di 2 persone.

La persona o le 2 persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono;

NEI GIORNI ARANCIONI, cioè 28, 29 e 30 dicembre e 4 gennaio, sarà possibile spostarsi liberamente, fra le 5 e le 22, all’interno del proprio Comune, quindi sarà possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro questi orari e ambiti territoriali, senza limitazione legate al numero di volte in cui ci sposta.

Negli stessi giorni sarà possibile anche, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici, in un Comune diverso dal proprio, ma sempre e solo all’interno della stessa Regione, tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di 2 persone, con le stesse regole in questo caso dei giorni rossi riguardo ai figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono;

Sempre nei giorni “arancioni”, 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio, sarà possibile, per chi vive in un Comune fino a 5mila abitanti, spostarsi liberamente, tra le 5 e le 22, entro i 30 km dal confine del proprio Comune (quindi eventualmente anche in un’altra Regione), con il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia: conseguentemente, sarà possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro tali orari e ambiti territoriali.

ATTIVITA’ APERTE E CHIUSE.

In zona rossa, sempre nei giorni di lockdown indicati nel decreto Natale, restano chiusi negozi, bar, ristoranti e centri estetici. Sono consentiti soltanto il servizio di asporto fino alle ore 22 e le consegne a domicilio, senza restrizioni.

Restano invece sempre aperti supermercati, attività di beni alimentari e prima necessità, farmacie e parafarmacie, librerie, edicole, tabaccherie, lavanderie, parrucchieri e barbieri.

I giorni che ci aspettano sono comunque condizionati da regole, ma queste ci permetteranno di affrontare i rischi a cui questa pandemia ci espone. Evitare assembramenti, avere attenzione nei nostri comportamenti specie nei confronti di chi è più fragile, resta davvero l’unica vera prevenzione, ci viene chiesto ulteriore impegno e sacrificio, ma ci viene chiesto a tutela di noi e degli altri.

 Il Sindaco D.ssa Marina Paola Rovelli.

 

Altre notizie

Campagna ispezione impianti termici 2021-2022

Sta per partire la campagna di verifica degli impianti termici a cura della Provincia di Varese.

I soggetti, i cui impianti saranno oggetto di verifica riceveranno una lettera  dalla Provincia di Varese con l'indicazione del nome dell'Ispettore autorizzato e un suo cellulare per fissare un appuntamento per la verifica.

Ogni altra modalità di contatto con le famiglie non corrisponde all'iter definito dall'Ente Provincia e per tanto si invita la Cittadinanza a diffidarne.

Da comunicazioni odierne della Settore referente, il territorio di Comabbio sarà coinvolto nelle verifiche solo dai prossimi mesi.

In allegato lettera della Provincia.

Concessione Servizio Canone Unico Patrimoniale

Con la Legge nr. 160/2019, articolo 1, commi da 816 a 847, è stato introdotto il nuovo Canone Unico Patrimoniale per la concessione e l’autorizzazione del suolo pubblico e per la diffusione di messaggi pubblicitari, per la concessione dei posteggi mercatali, per le affissioni pubbliche e per i passi carrabili.

Il nuovo Canone è entrato in vigore il 1° Gennaio 2021 e sostituisce il Canone per la Concessione del Suolo Pubblico, l’Imposta Comunale sulla Pubblicità e il Diritto sulle Affissioni Pubbliche.

La  concessione del Servizio di Gestione e Riscossione Ordinaria e Coattiva del Canone Unico Patrimoniale è affidata  a far data 15 settembre 2021 alla SAN MARCO S.p.A. con sede in BAREGGIO (MI)

Circolazione di trasporti e veicoli in condizioni di eccezionalità

Circolazione di trasporti e veicoli in condizioni di eccezionalità

In allegato la cartografia relativa alla circolazione di trasporti e veicoli in condizioni di eccezionalità nel Comune di Comabbio.

 

 

Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?

Invia segnalazione

 

Torna all'inizio del contenuto